Il mio tour del Marocco: seconda tappa Meknes

Meknes è una città imperiale che dista poco meno di un’ora dalla città di Fes, situata nella pianura di Saiss. Iscritta dall’Unesco tra i monumenti Patrimonio dell’Umanità, è anche conosciuta come la Versailles del Marocco o la città dei cento minareti.

Raggiungerla è davvero facile; il mezzo più comodo e rapido è sicuramente la macchina, che può essere un driver a noleggio oppure scegliere la soluzione economica del grantaxi o petit taxi. A mio avviso, Meknes può essere paragonata ad una piccola Marrakech, ma non ha nulla a che vedere con Fes.

Il primo luogo da visitare e dove farsi lasciare con il taxi è in prossimità di Place el Hedim dove sorge maestosa, la Porta più bella di Meknes, ovvero Bab Mansour, ricca di decorazioni e stucchi della tradizione. La piazza, come accennato il precedenza, è una rivisitazione della più quotata Jemaa el fna. Le bancarelle del souk Atriya rendono colorato questo luogo di aggregazione. Inoltre, sparsi per la piazza, gruppi di turisti vengono attratta da incantatori di serpenti, che prima di far uscire il proprio rettile dal sacco, cercano di spillarti quante più monete possibili. Non solo serpenti, ma una varietà di animali per grandi e bambini.

Esattamente dietro la piazza, ci si incammina in un grande mercato all’aperto, principalmente adibito a stoffe e vestiti di ogni genere. Proseguendo,  il mercato si trasferisce all’interno, dove verrete catturati dal piacevole odore di olive e di prodotti agricoli, ricordando che il Marocco vanta una grande produzione di olio d’oliva. Anche qui dentro, la vostra vista verrà catturata da un mix di colori e di sapori.

Anche la medina merita una visita ma non aspettatevi il labirinto senza uscita di Fes. E’ molto compatta e non troverete seccature intorno a voi.

Un importante monumento da visitare è il mausoleo  di Moulay Ismail; è uno dei pochi presenti in Marocco dove l’ingresso è gratuito ai musulmani e non. E’ un luogo dove riposano i resti del potente sultano nel centro della cittadella di Meknes, città che egli stesso aveva eretto come la capitale del Marocco nel XVII secolo.

Il mio tour proseguirà verso le città sante di Voubilis e Moulay Idriss.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.