Come organizzare un viaggio in Iran

Perchè vai in Iran? perchè hai scelto proprio l’Iran…. ecco alcune domande che mi sono arrivate durante la programmazione a questo mio viaggio. Ma non è pericoloso? 

Una delle parti più entusiasmanti di un viaggio è proprio la sua preparazione; un lungo studio fatto di libri, guide, social e quant’altro. Organizzare l’itinerario è come essere già in viaggio; dal momento dell’acquisto del biglietto aereo al rientro a casa.

40847100_10217137247414171_8964364712674328576_o

Ecco alcuni spunti da tener presente per un viaggio in Iran:

– Volo:

Negli ultimi anni l’iran sta diventando una meta molto appetitosa, perciò anche gli aeroporti si stanno muovendo di conseguenza. Attualmente Milano, Roma e Bologna offrono le tratte dirette da e per Teheran ad ottimi prezzi, o con scalo a Mosca e Istanbul.

– Visto Iran:

La questione visto è stata sicuramente la più complicata, un’attesa davvero straziante. Come molti ben sanno, tra Iran ed Israele non corre buon sangue; dopo essere stato in Israele, passando attraverso la frontiera terrestre di Aqaba verso Eilat, e dopo aver ottenuto il timbro di uscita dalla Giordania, il che (per gli ufficiali consolari) significa l’ingresso in Israele, ho temuto davvero di venirmi negato il visto. In realtà, posso rassicurare che in Ambasciata non hanno avuto nessun problema. Inoltre, per chi non avesse voglia di perder tempo, può recarsi direttamente all’Agenzia Iran Air a Roma o Milano. Il costo in agenzia si aggira intorno ai 100 euro comprensivi di assicurazione.

– Dormire in Iran:

Nulla di più cosi semplice ed economico: premetto che dall’Italia o da qualsiasi altra parte del mondo è difficilissimo trovare strutture su booking che offrono servizi di prenotazione, date le moltissimi restrizioni. Hostelworld è un ottimo strumento per risolvere questo problema. Il mio consiglio è quello di interagire con le famiglie iraniane tramite Couchsurfing. Questa piattaforma, a dir poco straordinaria, consente di dormire gratis all’interno di una casa iraniana, a stretto contatto con la gente del posto. In alternativa esiste un gruppo di Facebook “See you in Iran” dove potrai pubblicare qualsiasi richiesta di aiuto e verrai contattato da un numero considerevole di persone.

– Muoversi in Iran:

Noleggio driver: la scelta migliore se viaggiate con un gruppo di amici o in coppia. Troverete numerosissimi driver ( anche non ufficiali)

Autobus: VIP-bus, comodi, economici ed affidabili. Viaggiano anche di notte e consentono di risparmiare tempo e denaro. Prenotatili sul posto, negli ostelli o agenzie locali.

Volo interno: Come per gli alberghi, anche i voli interni hanno delle restrizioni; alcune compagnie aeree non permettono la prenotazione direttamente dall’Italia se non ci si appoggia a portali esterni come ad esempio Bravofly. Oppure rivolgersi sempre ad agenzie locali. Nei periodi di alta stagione si consiglia di prenotare con largo anticipo. Tra le compagnie aeree le migliori sono la Iran Air e la Mahan Air.

Applicazione Snapp: Tipo uber, molto comoda ed affidabile. Consigliata sopratutto nelle grandi città come Teheran.

40973678_10217137243934084_8910400544544129024_o

– Cose utili da sapere:

La moneta locale è il Rial, o anche comunemente chiamata Toman. Ad oggi l’inflazione è ai massimi livelli perciò trovare un ottimo cambio al mercato nero è un gioco da ragazzi, ma occhio alla polizia in strada; effettuatelo sempre in luogo chiuso. Non fatevi cambiare i soldi dal primo che capita, ma cercate di ottenere il massimo possibile cercando di chiedere banconote nuove di stampa. Cerceranno sempre di inserire vecchie banconote che potrebbero

L’arte del Tarof ( o taarof), difficile da spiegare; ne sarete “vittima” non appena salirete su di un taxi o in qualsiasi luogo pubblico. Si tratta di un rapporto tra persone, che aiuta i non iraniani a conoscere alcune abitudini di questo popolo. Esercitare il Tarof nei confronti di un ospite significa dedicargli il maggior tempo possibile offrendogli qualsiasi cosa. Dal canto suo, l’ospite sa di dover rifiutare l’offerta per almeno tre volte, per poi accettare o rifiutare definitivamente. Questo accade spesso nei bazar, negozi e ristoranti. Sui taxi invece, il tassista a fine corsa rifiuta il pagamento, ma non è un vero rifiuto ma sta effettuando semplicemente il tarof. Lasciategli i soldi ed andate via.

40616384_10217137240974010_3733754317547503616_o

– Come vestirsi, regole e consigli:

E’ risaputo che chi vuol viaggiare in Iran deve seguire regole Islamiche abbastanza ferree onde evitare situazioni spiacevoli o imbarazzanti. Tra queste, la più comune riguarda l’abbigliamento sia per l’uomo, ma sopratutto per la donna. Ecco alcuni consigli su cosa mettere in valigia:

  • per la donna: la maggior parte delle donne iraniane usano lo Chador, ma non è obbligatorio. Invece lo è per l’Hejab dai nove anni in su, o un velo che copra almeno parzialmente la testa. Inoltre devono assolutamente essere coperte anche braccia, caviglie e gambe. Queste semplici regole vanno rispettate in tutti i luoghi, pubblici, invece dentro casa propria ci si veste come si crede.
  • per l’uomo: sono vietati pantaloncini corti e canottiere, per il resto abbigliamento classico con scarpe da ginnastica, eleganti o aperte.

La pena per chi non rispetta queste semplici regole vanno dal carcere alle frustate per le ragazze/i iraniani, invece i turisti se la caveranno con qualche richiamo da parte della polizia locale.

Per tutto il resto troverete persone pronte a prendersi cura di voi, vi aiuteranno a prendere un autobus, a cercare il vostro albergo e vi chiederanno di entrare nelle loro case come amici per un tea; o semplicemente vi fermeranno per strada per chiedervi di dove siete e scattare magari una foto insieme. Tutto questo ed altro è l’Iran.

Toglietevi dalla testa qualsiasi pregiudizio contro questo popolo, viaggiate liberi, viaggiate insieme a loro. 

 

 

 

 

 

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Jules ha detto:

    Articolo molto utile e interessante, dato che non è una meta tra le più battute, diciamo. Però è interessante e apprezzo che molti travel blogger, veri viaggiatori, stiano esplorando sempre di più queste zone mettendo luce sulle stesse!

    https://julesonthemoon.com/

    Mi piace

    1. blogdiviaggilovest ha detto:

      Grazie mille!! E’ stato un viaggio davvero entusiasmante e ricco di sorprese!
      E’ difficile raccontare un Paese come l’Iran, va vissuto senza paura e senza timori reverenziali!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.